Cucina campana

Ricette della Cucina campana


I prodotti tipici

La genuinità e la semplicità della gastronomia campana, sono incentrate su tre alimenti principali: la pasta, il pomodoro e la mozzarella.

La patria della pasta ai tempi dell’importazione del grano duro dal continente americano, è stata a lungo Torre Annunziata, mentre nella provincia di Napoli si sono perfezionate le arti dell’esiccazione e della conservazione, dando origine alle prime produzioni industriali massive. La pasta trova nelle sue forme il simbolo della fantasia di questa regione, dai fusilli ai vermicelli, dalle zite ai maccheroni… Allo stesso modo anche i sughi ed i condimenti sono estremamente vari, dal più semplice pomodoro e basilico, fino agli elaborati e ricchi ragù.

Il pomodoro è alla basa della maggior parte dei piatti della Campania, dai primi, alla pizza. E’ una verdura proveniente dall’America, che giunge in Campania e precisamente a Napoli intorno al 1500: in regione se ne coltivano due varietà, quello di Torre del Greco, ottimo da gustare crudo, in insalata e il San Marzano, perfetto per le conserve ed i sughi, tipico per la forma allungata, il colore rosso intenso ed il suo gusto agrodolce, un ingrediente che ad oggi caratterizza la più tradizionale dieta mediterranea.

La mozzarella è un prodotto locale che da vita a innumerevoli industrie casearie, e preparazioni culinarie succulente e gustose, dalla mozzarella in carrozza, alla classica pizza napoletana, il calzone e tanti altri. Molto apprezzata è la mozzarella di bufala, che si ottiene dalla lavorazione a fresco del latte di bufala, o un latte misto vaccino: la cagliata viene trattata in acqua ad alta temperatura, intorno ai 90 gradi, in modo da ottenere un cordone da cui ricavare le diverse forme. Questo prodotto ha ottenuto la certificazione DOP. Oltre la celebre mozzarella di bufala, in Campania si possono gustare altre qualità di formaggi piuttosto simili alla mozzarella, ma dal sapore più delicato, come il caciocavallo, la ricotta, e soprattutto la scamorza.

Oltre questi tre cardini della cucina,ci sono anche altri prodotti che appartengono alla cultura e alla tradizione della gastronomia campana.

A Sorrento, il meraviglioso paesaggio è caratterizzato e costellato da folti filari gialli di limoni: i frutti sono succosi, grandi e ricchi di vitamine. Storico è il loro utilizzo per la realizzazione del Limoncello, un liquore consumato generalmente dopo i pasti.

Chi abbia l’occasione di visitare Sorrento, potrà sicuramente apprezzare anche il gusto delle pregiate noci, utilizzate spesso nella preparazione di dolci ma anche nei primi, grazie alla consistenza del gheriglio.


Ricerca per ingredienti: aceto acqua aglio alici amarene arancio basilico bianco burro caciocavallo caffè capretto carne cipolla concentrato confettura coniglio cotto cozze fagioli farina formaggio grattuggiato latte lievito limone macinata maggiorana melanzane mozzarella olio pane passata pepe peperoncino pomodori pomodoro prezzemolo prosciutto ricotta sale uova uovo vino zucchero